Skip links

Una ciliegia tira l’altra

Una ciliegia tira l’altra: lo conosci anche tu questo proverbio?

Ti sarai trovato anche tu a mangiare una ciliegia e poi a scoprire di desiderarne un’altra e un’altra ancora: insomma quando si comincia a mangiare delle ciliegie sembra impossibile riuscire a fermarsi.

Qual è il nesso tra questo proverbio e il mio podcast?

Per saperlo non ti resta che proseguire nella lettura (o ascoltare la puntata dall’inizio alla fine).

Quando ci troviamo davanti una bella ciotola di ciliegie, non riusciamo a smettere di mangiarle, diventa quasi un riflesso involontario.

Qualcosa di analogo potrebbe accadere anche in una sessione di scrittura creativa dove una parola tira l’altra, e all’improvviso ci si trova tra le mani un racconto breve.

Qualcosa di analogo succede anche con i contenuti.

Per capire il nesso tra contenuti e ciliegie prima di tutto chiediamoci ancora una volta che cos’è un contenuto di qualità

Questa domanda, ad esempio, l’hanno fatta a Raffaele Gaito durante un’intervista di Ecommerce Hub, ecco le sue parole estrapolate dalla diretta:

Un contenuto di qualità è un contenuto utile per chi lo consulta, è un aspetto che dobbiamo fare nostro, utilità e qualità si percepiscono a valle, non si decide a monte, io posso guardare un video di gameplay e farmi una risata … semplicemente non sono in target, quel tipo di contenuto non è un contenuto di qualità per me, per la persona che lo guarda quello è un contenuto di qualità, la qualità è un fattore relativo, dipende dall’audience alla quale ci stiamo rivolgendo.

Un contenuto di qualità deve essere un contenuto utile per le persone che lo consumano: utile è la parola che ci portiamo a casa, i nostri contenuti non devono essere autoreferenziali, non dobbiamo parlarci addosso.

Ho parlato anch’io di contenuti di valore nel mio articolo sul blog intitolato Creare contenuti di valore, andate subito a leggerlo.

Per me i contenuti di valore devono essere interessanti per chi ci legge. Se non scriviamo qualcosa di interessante, è normale che nessuno ci legga.

Lo so è un cane che si mangia la coda, ma noi possiamo spezzare questo loop, portando l’attenzione sulla qualità dei nostri contenuti, scrivendo qualcosa che deriva dalla nostra esperienza diretta o comunque filtrato attraverso la nostra chiave di lettura.

Potremmo leggere lo stesso libro di marketing e scoprire che tra le frasi evidenziate alcune sono in comune, altre sono diverse, questa è una ricchezza che qualcuno potrebbe trovare interessante, utile, forse persino preziosa.

Facciamo finta per un attimo che tu abbia seguito le indicazioni sulla creazione dei contenuti che ho dato nelle precedenti puntate del podcast (se è la prima puntata che ascolti, la terza stagione, che parte con la puntata numero 80, è pensata come una sequenza dove una puntata è il naturale proseguimento della precedente).

Se sei arrivato fin qui, hai creato un primo contenuto di valore, qualcosa per cui qualcuno, quando è arrivato alla fine dell’articolo, del post, del video o del podcast, ha esclamato: “Wow! Interessante”.

Bene, sai cosa penserà questa persona: “Ne voglio un altro, cos’altro ha scritto, detto, pensato questa persona? Fammi subito vedere se trovo altro materiale interessante creato da lei”.

E così come succede per un piatto pieno di ciliegie, allo stesso modo se il nostro blog, il nostro podcast, o il nostro canale YouTube sono ricchi di contenuti, uno tira l’altro.

Ogni nostro contenuto deve essere come la ciliegina sulla torta, quella chicca preziosa di cui, una volta scoperta, non possiamo più fare a meno.

Se riusciamo a creare questa situazione, otterremo due risultati importanti:

  1. acquisiremo valore nei confronti della persona che ci sta leggendo, guardando o ascoltando;
  2. occuperemo un pezzetto del suo tempo e della sua attenzione con i nostri contenuti e se l’attenzione l’abbiamo noi, non ce l’ha qualcun altro.

Non è che contemporaneamente uno si mette in bocca una ciliegia, una fragola, una fetta di ananas e un kiwi, lo stesso succede con i nostri contenuti.

Quando progetti il tuo prossimo contenuto, prova a pensarlo come una ciliegina, fa’ sì che sia irresistibile, che attiri l’attenzione e che invogli a divorarne un altro e un altro ancora.

Per arrivare a questo risultato, condividi la tua esperienza, racconta il tuo punto di partenza, guidaci passo passo nel viaggio che hai fatto fino a svelarci la destinazione finale.

Se nel viaggio verso la tua destinazione hai trovato difficoltà, ostacoli e imprevisti, condividili con noi, saranno un aiuto prezioso per non ricadere negli stessi errori.

Ingaggia il pubblico che ti segue, dagli qualcosa da fare, sfidali e interagisci con loro, dai e ricevi feedback, dialoga, costruisci ponti, legami e relazioni con chi ti segue.

Pensa ai contenuti in chiave di problema e soluzione, parti dal problema e guidaci verso la soluzione.

Progetta i contenuti come se fossero una serie tv, immagina una serialità di argomenti con un filo rosso che li collega.

Semina briciole di pane che riportano a contenuti che hai già creato in passato e lascia aperti scenari che saranno svelati e sviluppati nelle puntate successive.

Cambia punto di vista, spostati anche tu tra i consumatori: quali sono i contenuti che divori con più facilità, quali sono i contenuti che sono come “una ciliegia tira l’altra”, cos’hanno in comune? Quali sono i loro punti forti?

Studia e analizza i contenuti di questo tipo, sezionali con occhio critico, fai una lista dei punti forti che hanno e poi uno alla volta, settimana dopo settimana, sperimentali in prima persona con i tuoi contenuti, infine guarda quelli che funzionano e quelli che invece non hanno dato il risultato sperato.

Una ciliegia tira l’altra significa giocare con i contenuti, concedersi il piacere di sbagliare e scoprire grazie allo stupore qualcosa di inaspettato che sono sicuro accadrà.

Sai cosa diceva il seduttore e libertino Giacomo Casanova?

Le donne sono come le ciliegie: una tira l’altra.

Prova a fare come Casanova, guarda ai tuoi contenuti con lo stesso sguardo e se ti innamori davvero di un contenuto, scoprirai anche tu che un testo tira l’altro e che già adesso tra le tue mani ci sono centinaia di contenuti pronti per essere scritti e condivisi.

Ora tocca a te, le premesse sono tutte contenute nel mio podcast e negli ultimi articoli, e il prossimo passo per una ciliegia tira l’altra è solo nelle tue mani!

Tra una settimana preparati a una nuova ciliegia, ti parlerò del coraggio di osare.

Buona pratica!

Ascolta “#86. Una ciliegia tira l’altra” su Spreaker.

Lascia un commento


Resta aggiornato

Iscriviti alla newsletter

Iscrivendomi accetto il trattamento dei dati come descritto nell'informativa privacy.

Podcast
Linkedin
Instagram
Facebook
Twitter
Telegram
Email